La frazione di Acitrezza - abcsicilia

Vai ai contenuti

Menu principale:

La frazione di Acitrezza





Benvenuti ad Acitrezza
La città di Acitrezza
La storia e i miti di Acitrezza
Omero, nella sua Odissea, parla della Sicilia come di una terra vergine e selvatica, abitata da Ciclopi e Lestrigoni, e ci narra anche la vicenda del ciclope Polifemo, il gigante con un occhio solo al centro della fronte, accecato dall'astuto Ulisse che così riesce a fuggire. Ebbene il mito identifica l'isola di Lachea e i Faraglioni, ad Acitrezza, con i massi scagliati da Polifemo contro Ulisse e i suoi compagni, motivo per cui Acitrezza viene indicata, nelle antiche carte geografiche, come Porto di Ulisse.
Accanto a questo mito è cresciuto anche quello del fiume Aci, che ha dato il nome alle otto cittadine che attraversava: il pastorello Aci era innamorato della dolce Galatea, ma Polifemo, invidioso del giovane, perchè pazzamente innamorato della ninfa del mare, uccise Aci, schiacciandolo con un enorme masso. Gli dei, mossi dalla pietà per lo strazio di Galatea, trasformarono allora il sangue del pastorello in un fiume, che, scorrendo perenne, trovava pace e ristoro tra le braccia di Galatea, la spuma del mare, che l'attendeva nell'azzurro Ionio, e qui i due amanti si fondono ancora oggi in un abbraccio senza fine. Ad Aci Trezza fu girato anche il famoso film di Visconti "La terra trema" mentre Giovanni Verga ci ambientò il suo romanzo conosciutissimo "I Malavoglia".
Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove soggiornare ad Acitrezza. Dove dormire, mangiare o divertirsi ad Acitrezza e dintorni in provincia di Catania.
Acitrezza e la pesca
Ad Acitrezza c'è un connubio con il pesce che si rinnova negli anni sin dalla fondazione del piccolo borgo marinaro. Acitrezza vive di pesca, da sempre, e i suoi abitanti hanno trovato sostentamento in questo prodotto del mare. Per questo motivo è nata ad Acitrezza la Tradizionale Sagra del Pesce, un evento per festeggiare, nel migliore dei modi, il pregiato prodotto frutto della pesca, valorizzandolo e caratterizzandolo in tutte le sue sfaccettature. La manifestazione, nata nel 1960 come festa del pesce fritto nella mega padella, chiamata "Il Padellone", venne prima sospesa e poi ripresa negli anni ’80, per essere infine ribattezzata, nel 1989, nell'attuale "Sagra del Pesce Spada di Acitrezza" per omaggiare il pesce simbolo di una grande tradizione marinara che ha visto le "spadare" solcare lo specchio d’acqua di fronte ai Faraglioni di Trezza, per poi perdersi all'orizzonte. Oggi la Sagra del pesce spada di Acitrezza è diventata uno degli eventi folkloristici e gastronomici più importanti e più seguiti della Sicilia orientale.
La tua pubblicità GRATIS qui
Pubblicizza GRATIS la tua struttura ricettiva, la tua casa vacanza o anche la tua attività commerciale o professionale su abcsicilia.com. Hai un sito internet? Avrai il link che porta al tuo sito. Non hai un sito internet? Ci pensiamo noi a creare una pagina web tutta dedicata alla tua attività con descrizione, foto, mappa, commenti e modulo per contattarti. Quanto costa? Un banner con la tua pubblicità nella sola pagina del luogo dove opera la tua struttura è completamente GRATUITO.Che aspetti? Fatti vedere sul web e incrementerai i tuoi affari senza alcuna spesa. Inserisci subito la tua struttura o attività  CLICCA QUI
Il romanzo di Giuseppe Cianci
Acqua caura e cautela (Acqua calda e cautela)
In mancanza di una terapia efficace, si ricorre a dei palliativi assolutamente innocui



 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu