Le Isole Eolie, una vacanza a stretto contatto con la natura - abcsicilia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le Isole Eolie, una vacanza a stretto contatto con la natura





Benvenuti alle Isole Eolie
Le Isole Eolie
Isole Eolie
Le Isole Eolie, dette anche Isole Lipari, sono un arcipelago di origine vulcanica, formatosi poco meno di un milione di anni fa e situato nel Mar Tirreno, a Nord della costa sicula. L'arcipelago delle Eolie comprende due vulcani attivi, Stromboli e Vulcano, oltre a vari fenomeni di vulcanismo secondario. Le isole che compongono l'arcipelago sono: Alicudi, Filicudi, Lipari, Panarea, Salina, Stromboli, e Vulcano. Amministrativamente le isole Eolie appartengono alla Provincia di Messina e rappresentano una destinazione turistica sempre più popolare, tanto che queste isole attraggono più di 300.000 visitatori annuali, particolarmente interessati alle ampie possibilità di vacanze a stretto contatto con la natura.
L'arcipelago delle Isole Eolie. con le sue sette isole, è la parte emersa di un vasto complesso vulcanico, prevalentemente sottomarino, che si estende, per circa 200 chilometri, nel Mar Tirreno. Secondo gli studi del Centro Operativo INGV di Stromboli, le parti emerse del complesso eruttivo (le isole), si sono formate negli ultimi 250.000 anni, mentre le parti sommerse hanno un'età leggermente superiore. La parte più antica dell'arcipelago è quella del vulcano sottomarino Sisifo, circa 1,3 milioni di anni, che si trova a nord-ovest dell'isola di Alicudi. Il vulcanismo è ancora oggi attivo a Lipari, Vulcano, Stromboli e forse Panarea, mentre nelle altre isole l'attività vulcanica è cessata tra 10.000 e 30.000 anni fa.
Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove soggiornare, dormire, mangiare o divertirsi alle Isole Eolie in provincia di Messina.


Vacanze in Sicilia alle Isole Eolie: Lipari
L'isola di Lipari è l'isola più grande dell'arcipelago eoliano. È parte del comune di Lipari assieme alle altre isole Eolie, eccetto l'isola di Salina, il cui territorio è suddiviso nei tre comuni di Santa Marina Salina, Malfa e Leni. Pasticcerie e gelaterie nell'isola sapranno prendervi per la gola con le loro granite in svariati gusti e i dolci tipici siciliani. Lipari è ottima anche per vacanze d'inverno per il suo clima mite. La cittadina, molto graziosa, è sede del Museo Archeologico Eoliano. Le spiagge di Lipari anche nel 2012 sono state premiate dalla Fee con la bandiera blu. Se Lipari è bella di giorno, durante la notte lo è ancor di più. Nei mesi estivi sull'isola prendono vita, come non mai, concerti, festival teatrali, rassegne cinematografiche e folkloristiche con musica e gastronomia tipiche del luogo. Una discoteca sotto i bastioni del Castello di Lipari, in un incantevole scenario sulla scogliera, sa fare immergere il pubblico in atmosfere musicali di ogni genere. Altro posto frequentatissimo dai giovani è Canneto, incastonato nella baia di Unci, in uno scenario mozzafiato, dove locali notturni organizzano balli e musiche d'intrattenimento. Sotto trovate alcune strutture turistiche dove dormire, mangiare o divertirsi a Lipari, nelle Isole Eolie.
Vacanze in Sicilia alle Isole Eolie: Vulcano
Vulcano
L'Isola di Vulcano (frazione di Lipari) è un'isola di 21 km quadrati facente parte delle Isole Eolie. Gli abitanti, 715 nel 2001, vengono chiamati vulcanari. Qui potete immergervi in un laghetto di fanghi termali oppure fare il bagno nelle acque tiepide dell'isola avendo la sensazione di fare un idromassaggio per via delle bollicine provenienti dal fondale marino. Vulcano offre un suggestivo esempio della creatività naturale: i colori, le stratificazioni laviche, l'ambiente eruttivo, le manifestazioni endogene anche a poca distanza dalla riva, l'impronta del fuoco nascosto nei visceri della terra sono di particolare attrattiva e di notevole interesse dal punto di vista scientifico. Si consigliano escursioni al Gran Cratere (386 mt), a Vulcanello, alla Grotta dell'Allume, alle fumarole e alle Grotte del Cavallo.
Vacanze in Sicilia alle Isole Eolie: Panarea
Panarea
Con una superficie di 3,4 kmq, comprendente i vicini isolotti di Basiluzzo, Dattilo, Bottaro, Spinazzola e gli scogli di Lisca Bianca, Lisca Nera, i Panarelli e le Formiche, Panarea è la più piccola delle isole che compongono l'arcipelago eoliano. Gli studiosi ritengono che Panarea, gli scogli e gli isolotti che la circondano siano i resti di un antichissimo vulcano sottomarino, sommerso in parte dalle acque nei periodi interglaciali. Interessante il sentiero che porta al villaggio preistorico di Punta Milazzese e a Cala Junco, che non presenta grandi difficoltà ed è paesaggisticamente molto bello. Anche l'itinerario per la spiaggia di Calcara dove sono presenti le fumarole è alla portata di tutti, attraversando le strette stradine con le tipiche architetture eoliane. L'itinerario del Timpone del Corvo raggiunge il punto più elevato e panoramico dell'isola a 421 metri. Un mare cristallino, i fondali ancora multicolori, la temperatura adatta consentono anche interessanti immersioni subacquee.
Vacanze in Sicilia alle Isole Eolie: Stromboli
Stromboli
L'Isola di Stromboli è un vulcano attivo appartenente all'arcipelago delle Isole Eolie. Posta nel bacino Tirreno del Mare Mediterraneo occidentale, l'isola è la più settentrionale delle Eolie e si estende su una superficie di 12,6 kmq. L'edificio vulcanico è alto 926 metri s.l.m. e raggiunge una profondità di circa 1700 metri al di sotto del livello del mare. Stromboli ha una persistente attività esplosiva ed è uno dei vulcani più attivi al mondo.
Escursioni e gite consigliate sono il periplo dell'isola via mare, al ripido pendio della Sciara del Fuoco, grande scavo delle lave incandescenti, a Strombolicchio, aspro e bellissimo scoglio a una cinquantina di metri dalla riviera, e al cratere, specialmente durante la notte.
Stromboli rappresenta solo una piccola parte di un gigantesco apparato vulcanico dalla forma grossolanamente conica, che dal fondo del mare si erge fino alla sua cima più alta, quella dei "Vancori". A parte le lave che costituiscono lo scoglio di Strombolicchio e che sono i prodotti più antichi tra quelli affioranti, l'isola principale si è formata in vari stadi, negli ultimi 85.000 anni, con una progressiva migrazione verso nord-ovest di diversi centri eruttivi che hanno tutti emesso colate laviche e prodotti dell'attività esplosiva. La crescita del vulcano è stata accompagnata da numerosi collassi della sommità e dei suoi fianchi che hanno lasciato profonde depressioni, la principale delle quali è la Sciara del Fuoco, una grande depressione a forma di ferro di cavallo formatasi circa 5.000 anni fa per un collasso del fianco nord-occidentale del cono vulcanico di Stromboli. Rilievi sottomarini mostrano che la Sciara del Fuoco si prolunga sotto il mare per almeno 700 metri di profondità. La Sciara del Fuoco è instabile e soggetta a frequenti collassi parziali. Il più recente è avvenuto il 30 dicembre 2002 e il franamento in mare di una parte sia subaerea che sottomarina della struttura ha generato un'onda di maremoto alta ben 11 metri.
L'attività stromboliana è quella più usuale del vulcano e consiste in una continua emissione di gas e in frequenti esplosioni che lanciano nell'atmosfera getti di gas caldi, brandelli di lava e blocchi strappati dalle pareti del condotto. Questa attività persiste da almeno 2.000 anni. E' importante sapere che l'attività escursionistica a quote superiori a 400 metri avviene con l'accompagnamento di una guida alpina/vulcanologica autorizzata e che bisogna indossare il caschetto e seguire le indicazioni della guida.
Vacanze in Sicilia alle Isole Eolie: Strombolicchio
Circa 200.000 anni fa, in corrispondenza dello scoglio di Strombolicchio, esisteva il più antico centro vulcanico di Stromboli. Il cono era composto da strati sovrapposti di colate laviche e di materiali incoerenti (scorie, lapilli, ceneri) prodotti dall'attività esplosiva.
Al centro del cono vi era il condotto di alimentazione, una struttura grossolanamente cilindrica attraverso la quale la lava affluiva in superficie. Con il passare del tempo, l'attività di questo centro eruttivo si esaurì e il cono di Strombolicchio venne progressivamente eroso mettendo a nudo l'antico condotto di alimentazione con la lava solidificata al suo interno.
Strutture di questo tipo sono anche indicate con il nome di "neck" vulcanici.
Vacanze in Sicilia alle Isole Eolie: Salina
Salina è la seconda isola dell'arcipelago delle Eolie in ordine di grandezza e di popolazione, definita da sempre la perla verde per il fatto che qui la vegetazione spontanea è molto rigogliosa e pur non essendoci sorgenti di acqua, il territorio rimane verde e lussureggiante anche in piena estate. Anche nel periodo invernale Salina riserva giornate di sole, un clima tiepido e gradevole. Tre sono i comuni autonomi che si dividono il territorio di Salina: Leni, Malfa e Santa Marina, a differenza delle altre sei isole dell'arcipelago che restano tutte unite sotto il comune di Lipari. Il fatto che l'isola abbia tre sindaci che lavorano per il bene del territorio è un fatto positivo e i risultati si vedono nella cura e nei particolari dell'isola, che permettono ai turisti una vacanza tranquilla. A Salina si può coniugare vacanza di mare con escursioni montane, il monte Fossa delle Felci infatti è il più alto dell'arcipelago con i suoi 982 metri. Le escursioni su di esso, con un livello di salita facile, vengono premiate con la vista di paesaggi mozzafiato.
Alcune immagini delle Isole Eolie
La tua pubblicità GRATIS qui
Pubblicizza GRATIS la tua struttura ricettiva, la tua casa vacanza o anche la tua attività commerciale o professionale su abcsicilia.com. Hai un sito internet? Avrai il link che porta al tuo sito. Non hai un sito internet? Ci pensiamo noi a creare una pagina web tutta dedicata alla tua attività con descrizione, foto, mappa, commenti e modulo per contattarti. Quanto costa? Un banner con la tua pubblicità nella sola pagina del luogo dove opera la tua struttura è completamente GRATUITO.Che aspetti? Fatti vedere sul web e incrementerai i tuoi affari senza alcuna spesa. Inserisci subito la tua struttura o attività  CLICCA QUI
Il romanzo di Giuseppe Cianci
San Luca, cu mangia sulu saffuca. (San Luca, chi mangia da solo si affoga).
Mangiando in compagnia si divide quello che si ha e, difficilmente, qualcuno morirà di ingordigia.




 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu