La storia di Agrigento: la Valle dei Templi - abcsicilia

Vai ai contenuti

Menu principale:

La storia di Agrigento: la Valle dei Templi













Benvenuti nella Valle dei Templi
La Valle dei Templi di Agrigento
La storia dice che Agrigento sia stata abitata fin dalla preistoria anche se la città, prima chiamata "Akragas", fu fondata solo nel 581 a.C. dai coloni greci. La città conobbe il suo massimo splendore tra il 480 e 406 a.C., anno in cui fu conquistata dai cartaginesi. In questo periodo la città contava circa 200.000 abitanti e si costruivano i templi della valle e l'acropoli sulla rupe Atenea.
Lungo un crinale, impropriamente chiamato valle, venivano eretti, nell’arco di un secolo, il V secolo a.C., numerosi templi a testimonianza di quanto fosse prospera la città. Incendiati dai Cartaginesi nel 406 a.C., venivano restaurati dai romani mantenendo l’originale stile dorico. Può darsi che la causa del crollo dei templi siano stati i terremoti. L'unico tempio rimasto intatto è il Tempio della Concordia, anche perchè nel VI secolo fu trasformato in una chiesa.
La Valle dei Templi si trova tra il mare, dq cui dista appena 3 chilometri circa, e la città stessa che si trova più all'interno. Tutti gli edifici sono orientati verso est, per rispettare il criterio classico greco-romano che l’ingresso alla cella che ospitava la statua della divinità fosse illuminato dal sole nascente, fonte e principio di vita. Costruiti in tufo calcareo, i templi offrono una vista particolarmente suggestiva all'alba e al tramonto, quando assumono una spettacolare colorazione dorata, grazie ai raggi bassi del sole. Ma vediamo in dettaglio quanti e quali sono i templi:

Tempio di Giunone Lacinia
Il modo migliore per visitare i Templi è di cominciare proprio dall'estremo est con il Tempio di Giunone, eretto alla metà del V secolo a.C., in puro stile dorico. Il tempio è lungo circa 40 metri e largo 17 metri. Le sue colonne originali erano 34 ma ne son rimaste solamente 25 in piedi. Un grande altare dei sacrifici è posto proprio davanti al tempio.

Tempio della Concordia
Il Tempio della Concordia fu costruito pochi anni dopo il Tempio di Giunone, da cui è poco distante. Hanno lo stesso numero di colonne e anche le dimensioni sono quasi identiche. A differenza del Tempio di Giunone, il Tempio della Concordia è rimasto quasi intatto grazie anche al fatto che la struttura fu rafforzata quando fu convertita in Basilica nel VI secolo d.C.

Tempio di Ercole
Poco più a ovest rispetto al Tempio della Concordia, si trova il Tempio di Ercole. Le sue misure sono 67 metri per 25 metri ed era sorretto originariamente da 38 colonne, peccato che oggi ne rimangano erette soltanto nove.

Tempio di Giove Olimpico
La costruzione del Tempio di Giove Olimpico iniziò dopo la vittoria contro i punici del 480 a.C. e segnò l'inizio di un periodo d'oro per la città. Alla sua costruzione furono impiegati molti prigionieri di guerra, anche perchè il tempio sarebbe dovuto diventare il terzo tempio di architettura greca ma invece non fu mai terminato.

A chi si accinge a visitare la Valle dei Templi di Agrigento si consiglia di portare con se una buona macchina fotografica per immortalare i panorama mozzafiato di immenso spessore che difficilmente si possono ammirare in altri luoghi.
Il romanzo di Giuseppe Cianci
La tua pubblicità GRATIS qui
Pubblicizza GRATIS la tua struttura ricettiva, la tua casa vacanza o anche la tua attività commerciale o professionale su abcsicilia.com. Hai un sito internet? Avrai il link che porta al tuo sito. Non hai un sito internet? Ci pensiamo noi a creare una pagina web tutta dedicata alla tua attività con descrizione, foto, mappa, commenti e modulo per contattarti. Quanto costa? Un banner con la tua pubblicità nella sola pagina del luogo dove opera la tua struttura è completamente GRATUITO.Che aspetti? Fatti vedere sul web e incrementerai i tuoi affari senza alcuna spesa. Inserisci subito la tua struttura o attività  CLICCA QUI
U ciumi tira petri (Il fiume tira pietre)
Quando il fiume è in secca, è come se trascinasse pietre! Simbolicamente, si dice così quando si resta al verde, senza un "baiocco" (moneta di rame, in circolazione negli Stati Pontifici, fino all'Unità d'Italia, del valore di un soldo)




 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu