A Ivrea tabaccaio spara ai ladri e ne uccide uno. Indagato per eccesso di legittima difesa - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia - abcsicilia

Abcsicilia Blog Portal
Vai ai contenuti

Menu principale:

A Ivrea tabaccaio spara ai ladri e ne uccide uno. Indagato per eccesso di legittima difesa

Pubblicato da in Dall'Italia ·
Tags: Ivreatabaccaioladri

La polizia fa i rilievi sul posto

E' successo ancora, stavolta a Ivrea. Poco dopo le 3 di notte, a Pavone Canavese (Torino), alle porte del quartiere San Bernardo di Ivrea, tre persone, riferisce l'Ansa, hanno tentato l'assalto ad una tabaccheria in via Torino. Secondo una prima ricostruzione, il titolare, che abita sopra il locale, ha sentito dei rumori, è uscito con una pistola e ha aperto il fuoco, uccidendo uno dei malviventi, un uomo originario della Moldavia.
Leggo che era incensurato il ladro ucciso, ma se voleva restare incensurato e soprattutto vivo perchè non si trovava un lavoro onesto? Leggo anche che il tabaccaio è ora indagato per eccesso di legittima difesa ma perchè non la smettono di difendere ladri e corrotti in questo Paese? Le cose sono solo due: o lo Stato decide di combattere la delinquenza e la microcriminalità seriamente portando a compimento il proprio dovere di difesa del territorio e dei propri cittadini, oppure se si ritiene incapace di assolvere ai propri compiti, che lasciasse tranquilli i cittadini di difendere, con ogni mezzo (incluso le armi), la propria incolumità e quella dei propri cari oltre che la propria proprietà.
Non è più possibile accettare questa invasione barbara di ladri in ogni angolo del Paese. Io vivo a Modica e, anche qui, i furti nelle abitazioni sono all'ordine del giorno. Proprio stamattina intorno alle 10.00 due individui armati di palanchino hanno divelto una delle finestre di un'abitazione della periferia e sono entrati in casa. Nonostante il sistema di allarme sia immediatamente scattato ed il proprietario immediatamente accorso per verificare la situazione, i due sono riusciti in pochissimi minuti a fare razzia di alcuni oggetti in oro e del contante custodito in un cassetto, per poi darsi precipitosamente alla fuga. E' da alcuni anni che qui, nelle prime periferie della città, i cittadini vivono ormai l'incubo dei ladri tanto che è sempre attivo una sorta di comitato spontaneo di residenti della zona che monitora costantemente la frequentazione delle aree limitrofe alle contrade Serrapero, Trebalate e Pietre Nere da parte di soggetti potenzialmente pericolosi.
Molti anche i cittadini, tra cui anch'io, che stanno optando per la richiesta di regolare porto d'armi e l'acquisto di un'arma da tenere in casa perchè c'è la convinzione che occorra davvero far assaggiare il piombo a questi delinquenti per uscire da quest'incubo.
Tornando al furto di Ivrea, è intervenuto anche il ministro Salvini a difesa del tabaccaio, dicendo: "Totale solidarietà al tabaccaio, che spero possa fruire della nuova legge che garantisce la legittima difesa a tutti" e ancora ha aggiunto Salvini "Attendendo rispettosamente le comunicazioni della procura, quello che so è che si tratta di un commerciante 67enne incensurato, persona perbene, che deteneva legalmente un'arma, che è stato vittima di 5, 6, 7, 8 precedenti furti e rapine, che stanotte si è svegliato, si è ritenuto in difficoltà, aggredito, ha sparato. Purtroppo qualcuno è morto: però se invece di fare il rapinatore questa persona avesse fatto un mestiere onesto, oggi staremmo parlando di altro".
Io sto con il tabaccaio.




Torna ai contenuti | Torna al menu