Grandi manovre e inciuci di palazzo per non ridare la parola agli elettori - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia - abcsicilia

Abcsicilia Blog Portal
Vai ai contenuti

Menu principale:

Grandi manovre e inciuci di palazzo per non ridare la parola agli elettori

Pubblicato da in Opinioni ·
Tags: NapolitanoMattarellaTroika

L'Art. 1 della nostra bella Costituzione


Con il voto del 4 dicembre scorso, gli italiani non solo hanno salvato la Costituzione ma, con la massiccia partecipazioe al voto, hanno soprattutto mandare un messaggio alla classe politica dirigente di questo Paese: "il popolo c'è ed intende partecipare alla vita politica".
Sembra invece che chi detiene il potere, a cominciare dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, persona pia e schiva, sia intenzionato a fare tutto, tranne che eseguire la volontà del popolo.
Il governo Renzi, come quelli che lo hanno preceduto di Letta, e Monti, è stato il terzo governo imposto dal palazzo, senza consultare i cittadini, in barba ad ogni principio costituzionale. Ora stanno pensando, per la quarta volta, di prolungare l'agonia di questo ultimo governo, rispedendo il bugiardo, ma furbo, Renzi alle Camere per una fiducia che in molti sono pronti a dargli pur di salvare il proprio vitalizio che, per i nuovi parlamentari, scatterebbe dopo 4 anni e 6 mesi di legislatura, requisito che raggiungerebbero se nessuno li manderebbe a casa prima del prossimo settembre.
Insomma gente come Giorgio Napolitano, presidente emerito della Repubblica Italiana, uno dei peggiori presidenti nella storia republicana di questo Paese, che all'età di quasi 92 anni, forse pure incapace di intendere e volere chissà, ancora fa il cattivo tempo di questo Paese, è contraria ad ogni tipo di cambiamento e di innovazione che un movimento populista, come il M5S, vorrebbe apportare mandando a casa chi ha dilaniato questo Paese a comiciare proprio da Giorgio Napolitano che ha saputo arricchirsi vivendo di sola politica, sulle spalle degli italiani.
Quello a cui stiamo assistendo, da quando Renzi ha rassegnato le proprie dimissioni, è il tentativo di preparare il terreno per non mandare al potere il Movimento 5 Stelle. Ormai tutti sanno di avere i giorni contati e che se ridassero la parola agli elettori la vittoria del Movimento di Grillo sarebbe scontata, con la conseguenza che molti di loro sparirebbero dalla scena politica nazionale così come molti privilegi che si sono costruiti ad hoc sparirebbero per sempre. Per questo, l'unica strada percorribile è quella di realizzare una legge elettorale che penalizzi chi non vuole inciuci con altri partiti e quindi il M5S, che mai accetterebbe alleanze di governo con altri partiti.
Non importa quindi, se pur di non far vincere i Di Battista e i Di Maio, dovranno mettersi insieme accozzaglie come Alfano, Verdini, Casini, Berlusconi e renziani, pur di mantenere i loro privilegi questa gentaglia è disposta a tutto e mi dispiace che chi sta bene in Italia, ed ha tutto da guadagnare da questo clima di incertezza, faccia il gioco di questa gentaglia.


Potrebbero interessarti anche:

















Torna ai contenuti | Torna al menu