Cos'è cambiato nel M5S dopo le scoppole prese alle regionali prima e alle europee dopo? - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia - abcsicilia

Abcsicilia Blog Portal
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cos'è cambiato nel M5S dopo le scoppole prese alle regionali prima e alle europee dopo?

Pubblicato da in Opinioni ·
Tags: M5SDiMaio

Quando il M5S riempiva le piazze

Di Maio non si è dimesso da capo politico del Movimento 5 Stelle, Di Battista non è entrato in scena, il GF Casalino è rimasto lì sempre alla ricerca di una telecamera che lo inquadri col suo abitino elegante e stirarto a lucido, mentre Grillo ha preso il suo Malox. Che ci si potrebbe aspettare alle prossime elezioni politiche con un Movimento 5 Stelle che si accontenta dell'80% di quei 56mila votanti sulla piattaforma Rousseau?
L'Italia è ben altro che la piattaforma Rousseau e gli italiani è più facile perderli che ritrovarli se non si riesce a convincerli. Se si considera poi che i media e le opposizioni sono diventati più forti dopo le europee e si sentono più legittimati, dal risultato delle ultime elezioni, ad attaccare il Movimento 5 Stelle, sarà facile prevedere come andranno le prossime elezioni.
Agli italiani non importa che i parlamentari pentastellati restituiscono una parte del loro stipendio per fare buone azioni qua e là, gli italiani vorrebbero che tutti gli stipendi di tutti i parlamentari venissero tagliati e i soldi venissero impiegati per diminuire le tasse e la disuguaglianza sociale.
Agli italiani non importa che i parlamentari grillini non rubano e cacciano via subito chi al loro interno sbaglia, gli italiani vorrebbero leggi che impediscano a tutti di rubare e di corrompere.
Ma soprattutto gli italiani amano farsi governare da parlamentari con le "pa..e" che non si lascino prendere in giro dalle opposizioni, deridere dai giornalisti, beffeggiare nei salotti televisivi.



Torna ai contenuti | Torna al menu