Il risotto alla pescatora? Con la ricetta di abcsicilia c'è da leccarsi le dita... - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia. Un blog di opinion-leading - Sicilia Turismo e Notizie

   Sicilia Turismo & Notizie
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il risotto alla pescatora? Con la ricetta di abcsicilia c'è da leccarsi le dita...

Pubblicato da in ricette primi piatti ·


Risotto alla pescatora

Ingredienti:

320 gr. di riso per risotti, 1 Calamaro medio, 2 Seppie non grosse, 200 gr. di gamberetti sgusciati freschi, 8 cozze, 1 litro di brodo di pesce (in alternativa potete usare il dado di pesce), 200 gr di pomodori pelati, olio extra vergine di oliva q.b., 1 spicchio d'aglio, 2 cucchiai di prezzemolo tritato, sale q.b., mezzo bicchiere di vino bianco secco.

Preparazione:

Tagliate a striscioline le seppie dopo averle pulite, tagliate a pezzettini anche i tentacoli. Pulite il calamaro, togliete i tentacoli e tagliateli a pezzettini, invece il corpo tagliatelo ad anelli.
Mettete una padella sul fuoco con 4 anche 5 cucchiai di olio e versateci il riso crudo, fatelo saltare in padella a fuoco alto per 2 minuti, aggiungeteci uno spicchio d'aglio sminuzzato e girate per 30 o 40 secondi ancora, a questo punto versate in padella il vino bianco e aspettate che evapori completamente a fuoco alto.



Ora coprite il riso con il brodo di pesce, che dev'essere bollente, aggiungete le seppie tagliate a pezzettini e anche i tentacoli sia delle seppie che del calamaro, mettete ora la polpa di pomodoro e regolate di sale. Fate cuocere mescolando di tanto in tanto per evitare che il riso si attacchi sotto e ricordate di non fare asciugare il risotto ma tenere coperto il riso aggiungendo ogni tanto del brodo fino alla sua cottura finale.



Solo qualche minuto prima che il riso sia cotto, aggiungete gli anelli di calamaro che devono cuocere al massimo due minuti per evitare che diventino duri e immangiabili, unite anche i gamberetti sgusciati e le cozze ben pulite, che serviranno a decorare i piatti, regolate di sale.

Togliete dal fuoco e impiattate spolverando con abbondante prezzemolo tritato.








Torna ai contenuti | Torna al menu