Che strani questi giornalisti, invocano le dimissioni della Raggi mentre sperano nella riabilitazione di un condannato - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia - abcsicilia

Abcsicilia Blog Portal
Vai ai contenuti

Menu principale:

Che strani questi giornalisti, invocano le dimissioni della Raggi mentre sperano nella riabilitazione di un condannato

Pubblicato da in Opinioni ·
Tags: BerlusconiStrasburgoelezioni

Silvio Berlusconi


Silvio Berlusconi non ha ancora chiuso i suoi conti con la giustizia eppure aspetta una sentenza da Strasburgo che annulli la legge Severino in modo che possa scendere nuovamente in campo nella lotta alla conquista della poltrona di Premier, magari alleandosi proprio con la sinistra di Renzi, pur di ottenere il risultato sperato, per il suo bene esclusivo. Non importa se la sua condanna definitiva per frode fiscale non potrà essere cancellata da nessuna sentenza, come non importa se ci sono ancora altri processi in corso che potrebbero produrre altre condanne per l'ex cavaliere, capo di Forza Italia, giornalisti e media tutti insieme sono già pronti a sostenere Silvio Berlusconi qualora venisse riabilitato da una sentenza, a lui favorevole, dalla Corte di Strasburgo a cui i suoi legali si sono appellati, come ultima spiaggia.
Che strano questo Paese, però! Ogni giorno assistiamo ad una campagna d'informazione diffamatoria, denigratoria e, molto spesso, offensiva nei confronti della sindaca di Roma, Virginia Raggi, alla quale vengono indirizzate accuse di ogni genere per costringerla alle dimissioni con l'unico scopo di festeggiare così il fallimento nell'attività amministrativa del Movimento 5 Stelle, nemico numero uno della stampa di regime, poi però assistiamo ad un assaggio di campagna elettorale a favore del centro-destra del condannato definitivo, Silvio Berlusconi, il plurindagato.





Potrebbero interessarti anche:













Torna ai contenuti | Torna al menu