I Borghi medievali in Sicilia - Vacanze in Sicilia - Turismo e Notizie

Abcsicilia
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Borghi medievali in Sicilia

Cosa vedere in Sicilia: Borghi Medievali e Castelli in Sicilia

Cose da vedere in Sicilia: I borghi medievali iscritti nel circuito Borghi d'Italia

La Sicilia è una delle poche regioni al mondo dove il turista si smarrisce nell'immenso patrimonio artistico-culturale e naturalistico. Per vedere tutte le meraviglie della Sicilia, non bastano alcuni giorni di vacanza, non è facile infatti visitare la Sicilia, una regione che è bagnata dal mare per oltre mille chilometri.

Luoghi da vedere in Sicilia:

I veri tesori dell'isola sono nascosti nell'entroterra e per scoprirli il turista deve essere molto attento e non andare di fretta, mai. Il mare e il sole in Sicilia la fanno da padroni, la limpidezza delle acque insieme alle immense spiagge di sabbia dorata affascinano chiunque in questa terra, ma la bellezza delle città e dei piccoli borghi medievali della Sicilia non ha paragoni, nel mondo.

Palermo, per esempio, possiede il secondo centro storico più grande dell'Italia dove si nascondono molti dei capolavori architettonici della Sicilia, segno del dominio di molti popoli tra cui musulmani, arabi e normanni. I Borghi Medievali del Parco delle Madonie, tra cui Castelbuono, Gratteri, Polizzi Generosa, e Gangi. E ancora, Monreale con la sua imponente Cattedrale, la più bella al mondo, Mondello, per restare sempre nei dintorni di Palermo, con le sue bellissime ville aristocratiche, ma anche Caccamo, con le sue ripide stradine, scolpita nella roccia, sembra teneramente aggrappata alle ultime pendici interne del Monte San Calogero. Molte sono le tracce preziose dei suoi luminosi periodi storici.

Siracusa con la sua splendida isola di Ortigia, sito UNESCO dal 2005, e il suo Parco Archeologico.
Tra le cose da vedere a Siracusa anche le città barocche, siti UNESCO, quali Noto e Palazzolo Acreide.

Tra le cose da vedere in provincia di Trapani: Marsala, con le sue storiche cantine, il magnifico Borgo medievale di Erice.

Cose da vedere in provincia di Messina: la splendida Taormina, a lungo meta di molti vip internazionali, con il suo scenografico Teatro Greco e, a due passi da Taormina il magnifico Borgo di Castelmola e anche il magnifico Borgo di Montalbano Elicona.

Cosa vedere in provincia di Palermo: i Borghi Medievali del Parco delle Madonie, tra cui Castelbuono, Gratteri, Polizzi Generosa, e Gangi.

Chistu è farsu comu e sordi catanisi (Questo è falso come i soldi catanesi)
In quel di Catania circolavano parecchie monete false.
I Borghi più belli d'Italia in Sicilia
I borghi più belli d'Italia, i tesori della Sicilia che tutto il mondo ci invidia

Borghi in Sicilia, la storia medievale della Sicilia:

Dagli antichi Greci ai Romani, dai Saraceni ai Normanni, la Sicilia racchiude in sé l'eredità delle culture millenarie che si sono susseguite sul suo territorio, lasciando testimonianze preziosissime, imponenti architetture, castelli e città che si protendono verso il mare dove attendono spiagge splendide. La Sicilia è unica, solo qui si viene rapiti in un'estasi di profumi mediterranei mentre ci si perde ammirando un orizzonte o la cima dell'Etna, innevata anche d'estate, mentre nelle vie lastricate di pietra calcarea il sole gioca a dipingere venature di rosa.

La Sicilia non è soltanto un'isola, la storia millenaria la fa diventare quasi un continente. Difficile scoprirla tutta, tant'è che nemmeno i siciliani ne conoscono ogni angolo, facile però amarla a prima vista. Ed è un colpo di fulmine che passa anche attraverso i sapori del palato. Qui l'enogastronomia è ricchissima e i prodotti di eccellenza, intessuti con la tradizione, hanno dato vita a una serie di ricette che esaltano tutti gli aromi e gli odori della terra e del mare.

I Borghi più belli d'Italia rappresentano il meglio che l'Italia cosiddetta "minore" può offrire al mondo. Sono 290 i borghi certificati in Italia, grazie ad una rigorosa selezione messa a punto da un comitato scientifico e basata sulla verifica di 72 parametri previsti dalla Carta di Qualità. La rete siciliana dei Borghi più belli d'Italia si è particolarmente distinta in questi anni per lo spirito di squadra, più volte dimostrato, organizzando eventi nazionali e per l'impegno di amministratori e cittadini nell'opera continua di miglioramento del patrimonio edilizio, storico-artistico e per il mantenimento delle tradizioni culturali ed eno-gastronomiche.

Ogni anno il programma "Alle Falde del Kilimangiaro", in onda su Rai 3, indice una gara fra 60 borghi italiani per eleggere il "Borgo dei Borghi", ovvero il borgo più bello d'Italia. La Sicilia negli ultimi anni ha guadagnato lo scalino più alto del podio più volte, con Gangi, Montalbano Elicona, Sambuca di Sicilia e Petralia Soprana.

Ecco l'elenco dei borghi più belli d'Italia in Sicilia:

Castelmola (Messina), Castiglione di Sicilia (Catania), Castroreale (Messina), Cefalù (Palermo), Erice (Trapani), Ferla (Siracusa), Gangi (Palermo), Geraci Siculo (Palermo), Montalbano Elicona (Messina), Monterosso Almo (Ragusa), Novara di Sicilia (Messina), Palazzolo Acreide (Siracusa), Petralia Soprana (Palermo), Salemi (Trapani), Sambuca di Sicilia (Agrigento), San Marco d'Alunzio (Messina), Savoca (Messina), Sperlinga (Enna), Sutera (Caltanissetta).


Storia della Ceramica in Sicilia

La ceramica - Strade e paesi siciliani della terracotta
Santo Stefano di Camastra e la ceramica

La ceramica di Santo Stefano di Camastra è una delle più conosciute e apprezzate. Qui infatti, la lavorazione dell'argilla, probabilmente, è antica quanto la stessa cittadina di Santo Stefano di Camastra. Semplice, geniale invenzione, la ceramica è una delle realizzazioni più importanti dell'Umanità. In Sicilia essa fa la sua comparsa nel VI millennio a.C. e, sino all'età del Bronzo, si sviluppa in tutti i centri indigeni dell'isola. Dai primi rozzi manufatti di Stentinello, vicino... Leggi tutto
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy

Direttore responsabile: Giuseppe Cianci  giuseppe.cianci@abcsicilia.com                                          Contatti: redazione@abcsicilia.com  

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu