Benvenuti nel Borgo dei Borghi, Gangi - abcsicilia

Abcsicilia Blog Portal
Vai ai contenuti

Menu principale:

Benvenuti nel Borgo dei Borghi, Gangi

La città di Gangi
Gangi è un piccolo comune italiano con meno di 7.000 abitanti appartenente alla città metropolitana di Palermo e fa parte del circuito dei borghi più belli d'Italia, dove è stato proclamato "Borgo dei borghi" nel 2014. Il centro storico di Gangi è abitato da appena 1.800 abitanti ed è davvero uno dei borghi più belli del nostro Paese. Qui a Gangi arte, cultura, artigianato, buon cibo e buon vino la fanno da padroni.

Dentro le bellezze artistiche e monumentali di Gangi c'è il cuore dei gangitani, tra le sue strette viuzze, irte e medievali, si incontra gente sincera, fiera del proprio passato. Da visitare a Gangi il Palazzo Bongiorno, una dimora del 1700 formata da 8 sale interamente affrescate da Gaspare Fumagalli e Pietro Martorana, la dimora è ora adibita a uffici comunali,  altro luogo importante è la Chiesa Madre dedicata a San Nicola di Bari.

A Gangi si conservano ancora gli antichi mestieri, ci sono diverse botteghe: il fabbro, il falegname e lo scalpellino per la lavorazione della pietra. Ma c'è anche il fascino della scrittura su pergamena e papiro e i restauratori degli affreschi dentro i monumenti storici.

Molte sono le manifestazioni che intrattengono tutto l'arco dell'anno i turisti qui a Gangi. La più importante di queste manifestazioni è la Sagra della Spiga, molto importante a Gangi dove la spiga rappresenta il collegamento fra l'uomo e Dio, il frutto delle proprie tradizioni.

Molti i prodotti genuini dell'agricoltura di Gangi che ne rappresentano ancora oggi la storia, la cultura e le tradizioni. Un'altra eccellenza di questo borgo è data dai prodotti realizzati con il latte e la provola delle Madonie, caratteristica di questa zona, ne è la prova.



Una viuzza del centro
Chiesa di San Paolo - Sec. XV
A tre navate e portale in pietra con bassorilievi. All'interno opera di G. Li Volsi
Chiesa di San Paolo - Navata centrale
Il nome: la città greca di Engyon è stata identificata con Gangi. A fondarla intorno al 1200 a.C. sarebbero stati i Cretesi, dal nome di una sorgente. Dopo la sua distruzione , un nuovo insediamento prese il nome di Engio (dal latino Engium), in seguito Gangi.
Una viuzza del centro
L'aria fine e il profumo di montagna portano tanti turisti a Gangi, che, più che un borgo, è una cittadina dalle origini mitiche. Il borgo medievale, che tramuta la roccia in arte e sembra sorgere direttamente dalla pietra, bisogna cercarlo proprio in cima, superando le pendici del monte. Ma ecco che, imboccata una stradina acciottolata, si apre davanti agli occhi una scenografia lapidea: un grosso gregge di case addossate le une alle altre, facciate dorate, addobbate di fiori, balconcini di ferro battuto, ricchi portali. Diciotto chiese, palazzi signorili, tesori artistici sono disseminati in queste stradine che s'inerpicano e s'intrecciano in un grandioso scenario naturale.

La Chiesa di San Paolo
La cinta muraria trecentesca racchiudeva la parte alta della città, quella che ancora oggi conserva gli edifici più significativi. La parte più bassa si sviluppa sulle vie in salita, ripide e strette, che conducono al centro storico. La nostra visita comincia dalla parte alta della città. La Chiesa di San Paolo (foto sopra di Giuseppe Cianci), edificata nel XVI secolo, presenta una semplice facciata in pietra, arricchita da un portale secentesco ornato di bassorilievi.
La Chiesa della Badia (foto sotto di Giuseppe Cianci) ha una facciata in pietra nuda a tre ordini sovrapposti d'impronta cinquecentesca.

Chiesa della Badia - 1738
Chiesa della Badia - 1738
La Chiesa della Badia (1738) un tempo era annessa al Monastero delle Benedettine. Al suo interno affreschi di Giuseppe Crestaduro (1796)
Torre tardo Gotica detta "dei Ventimiglia" - Secolo XIV - XV
La Torre dei Ventimiglia è un antico feudo in stile tardo Gotico, oggi campanile della adiacente Chiesa Madre di San Nicolò, edificata nella prima metà del XIV secolo sotto la signoria dei Conti di Geraci. Solo tra il XVI ed il XVII secolo venne inglobata dalla Chiesa Madre. Tra l'età medievale e quella moderna fu posseduta anche dai Cavalieri di Malta.
Torre dei Ventimiglia e Cupola della Chiesa Madre
La Chiesa Madre, edificata in età normanna, è dedicata a San Nicola di Bari. Ha tre navate con cappelle ed è sormontata da un'ampia cupola. All'interno il Giudizio Universale di Giuseppe Salerno del 1629
Una viuzza del centro
Palazzo Bongiorno
Chiesa Madre
La Chiesa Madre, edificata in età normanna, è dedicata a San Nicola di Bari. Ha tre navate con cappelle ed è sormontata da un'ampia cupola. All'interno il Giudizio Universale di Giuseppe Salerno del 1629
Chiesa Madre
La Chiesa Madre, edificata in età normanna, è dedicata a San Nicola di Bari. Ha tre navate con cappelle ed è sormontata da un'ampia cupola. All'interno il Giudizio Universale di Giuseppe Salerno del 1629
Cosa mangiare a Gangi, cose da vedere a Gangi e dintorni
I piaceri del borgo, cose da mangiare a Gangi:
- Il caciocavallo di Gangi è un formaggio a pasta filata ottenuto dal latte crudo vaccino. Inoltre si produce dell'ottimo pecorino di primo, secondo sale ed anche stagionato con grani di pepe. Rinomata anche la salsiccia secca.
- Il piatto di Quaresima è il baccalà fritto con contorno di finocchietto selvatico. Anche i dolci rispettano le tradizioni: a Natale la cucchia, pasta frolla con mandorle, uva passa e fichi secchi; in estate e autunno i mastacuttè, biscotti con succo di fichi d'India.

Cosa vedere a Gangi:
- La Festa dello Spirito Santo si tiene il lunedì dopo Pentecoste, una spettacolare processione religiosa, con 35 statue di legno portate a spalla.
- A Natale, dal 26 al 29 dicembre si organizza ogni anno il presepe vivente denominato"Da Nazaret a Betlemme" ambientato e rappresentato tra i suggestivi vicoli del borgo.
- Palazzo Mocciaro con i suoi saloni affrescati, dell'ottocento, si trova in Corso Umberto I.
- Palazzo Bongiorno, del 1756, è uno dei migliori esempi di architettura settecentesca nelle Madonie. Vanta la magnifica decorazione a trompe l'oeil delle sale del piano nobile. Nel 1758 le sale del palazzo iniziarono a ospitare l'Accademia arcadica degli industriosi.
- Palazzo Sgadari che ospita al pian terreno il Museo Archeologico, mentre al primo e secondo piano si trovano: l'Istituzione Gianbecchina, il Museo delle Armi e Museo della fotografia Albergamo.
- Sul corso Fedele Vitale si affacciano le botteghe del XVI secolo, con i fornici che erano insieme a porta e finestra-banco di vendita. Quasi al termine del corso si trova la Chiesa di San Cataldo della prima metà del secolo XIV, che custodisce statue lignee del Quattrocchi e il dipinto di Giuseppe Salerno "Il supplizio dei quaranta martiri" (1618). Il Castello dei Ventimiglia, sorto nella prima metà del XIV secolo, spicca sull'abitato con i resti di due torri. Nella città bassa, la Chiesa del Salvatore conserva il crocefisso ligneo di Frà Umile da Petralia e l'Ascesa al Calvario di Giuseppe Salerno. La Chiesa di Santa Maria di Gesù (1710) ha un portale a bassorilievi del 1665 e varie sculture lignee di Filippo Quattrocchi all'interno, tra le quali il gruppo dell'Annunciazione, capolavoro di espressività.

La tua pubblicità GRATIS qui
Pubblicizza GRATIS la tua struttura ricettiva, la tua casa vacanza o anche la tua attività commerciale o professionale su abcsicilia.com. Hai un sito internet? Avrai il link che porta al tuo sito. Non hai un sito internet? Ci pensiamo noi a creare una pagina web tutta dedicata alla tua attività con descrizione, foto, mappa, commenti e modulo per contattarti. Quanto costa? Un banner con la tua pubblicità nella sola pagina del luogo dove opera la tua struttura è completamente GRATUITO.Che aspetti? Fatti vedere sul web e incrementerai i tuoi affari senza alcuna spesa. Ti basta una e-mail. Scrivici a info@abcsicilia.com

GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS
Ri tia nsi ni può fari nè fierru nè ciova (Di te non se ne può fare, nè ferro nè chiodi)
Si dice a qualcuno incapace di dare un aiuto, un vero incapace in tutto!





 
Torna ai contenuti | Torna al menu