Merluzzo pastellatto alla birra - abcsicilia

Abcsicilia Blog Portal
Vai ai contenuti

Menu principale:

Merluzzo pastellatto alla birra

abcsicilia food > Secondi
Merluzzo pastellato alla birra

Merluzzo pastellato alla birra

Ingredienti (per 4 persone):
600 gr di filetti di merluzzo, 6 cucchiai di farina, 5 gr di lievito in polvere, 25 ml di birra bionda, 1 limone, 1 lt di olio di semi, sale e pepe.

Preparazione:
In una terrina setacciate la farina insieme al lievito, un pizzico di sale e un pizzico di pepe, incorporate lentamente la birra versandola a filo e mescolando con una frusta fino ad ottenere una pastella liscia, priva di grumi.
Coprite la terrina con uno strofinaccio da cucina e lasciate riposare per almeno 1 ora a temperatura ambiente.
In una padella con bordi alti, antiaderente, scaldate abbondante olio di semi, il più indicato è quello di arachidi. Infarinate i filetti di merluzzo, immergeteli nella pastella e, non appena l'olio sarà caldo, friggeteli uno alla volta finchè saranno ben dorati, girandoli con due palette a metà cottura.
Scolate i filetti fritti e appoggiateli per qualche minuto su della carta assorbente da cucina e salateli leggermente. Servite il pesce nei piatti decorando con delle fette di limone.

La scelta giusta dell'olio e le regole per una sana frittura

L'olio, questo elemento determinate nella preparazione di un fritto a regola d'arte

Nel preparare un buon fritto c'è da tenere in considerazione qualche corretta tecnica di cottura, ma l'elemento determinante per ottenere un fritto preparato a regola d'arte è l'olio. Quale olio utilizzare? Non tutti gli oli sono infatti idonei alla frittura.
Recenti studi di dipartimenti speciali sull'alimentazione hanno stabilito che l'olio di semi di girasole e di mais, al momento, restano le migliori alternative per una buona e sana frittura fatta in casa.
Ma vediamo quali tecniche di frittura bisogna rispettare quando prepariamo in casa una frittura:
1. preparare gli alimenti da friggere, asciugandoli accuratamente per evitare il più possibile la presenza di acqua che, come il sale e le spezie, facilitano l'alterzione termica degli oli. Sale e spezie vanno aggiunti dopo la frittura.
2. la temperatura dell'olio non deve mai superare i 180°. Temperature più alte accelerano la degradazione termica dell'olio. Fa comodo avere in casa un termometro digitale da cucina, costa poco ed è utilissimo per tante ricette.
3. se la temperatura dell'olio supera i 180° è meglio eliminarlo, non va riutilizzato e non bisogna aggiungere olio fresco all'olio esposto ad alta temperatura perchè si altererebbe anche l'olio fresco.
4. conviene sostituire spesso l'olio usato per friggere, senza quindi riutilizzarlo.

La tua pubblicità GRATIS qui
Pubblicizza GRATIS la tua struttura ricettiva, la tua casa vacanza o anche la tua attività commerciale o professionale su abcsicilia.com. Hai un sito internet? Avrai il link che porta al tuo sito. Non hai un sito internet? Ci pensiamo noi a creare una pagina web tutta dedicata alla tua attività con descrizione, foto, mappa, commenti e modulo per contattarti. Quanto costa? Un banner con la tua pubblicità nella sola pagina del luogo dove opera la tua struttura è completamente GRATUITO.Che aspetti? Fatti vedere sul web e incrementerai i tuoi affari senza alcuna spesa. Ti basta una e-mail. Scrivici a info@abcsicilia.com

GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS
Nella vita c'è sempre da fare delle scelte,
a volte va bene altre va meno bene, l'importante è non avere mai rimpianti!
© Giuseppe Cianci


 
Torna ai contenuti | Torna al menu