Benvenuti a Montalbano Elicona, il Borgo dei Borghi 2015, il Tibet di Sicilia - Vacanze in Sicilia - Turismo e Notizie

Abcsicilia
Vai ai contenuti

Menu principale:

Benvenuti a Montalbano Elicona, il Borgo dei Borghi 2015, il Tibet di Sicilia

Il Borgo dei Borghi 2015, Montalbano Elicona
Montalbano Elicona è un piccolo comune della provincia di Messina, con circa 2.500 abitanti, situato a 920 metri sul livello del mare, riconosciuto come uno dei 90 borghi medievali più belli d'Italia per il suo grande valore artistico, culturale e storico. Nel 2015 poi, Montalbano Elicona è stato eletto il Borgo dei Borghi, cioè il Borgo più bello del nostro Paese, a dimostrazione che la Sicilia è piena di tesori nascosti da valorizzare: dopo il premio di miglior Borgo assegnato a Gangi nel 2014, arriva lo stesso riconoscimento a Montalbano Elicona nel 2015.

Il Castello di Montalbano Elicona rappresenta l'elemento storico-architettonico più significativo del Borgo, dominando tutto il tessuto urbano medioevale ricco di autentica storia. Edificato sui resti bizantini e arabi, il Castello, che fu residenza estiva di re Federico II di Aragona, è costituito in alto da un fortilizio svevo-normanno e in basso dal palatium fortificato svevo-aragonese. La parte superiore, una fortezza rettangolare, è chiusa all’estremità da due torri, una a pianta quadrata e l'altra, tipicamente sveva a pianta pentagonale.

Alcune delle tradizioni più significative del paese sono il presepe vivente, la manifestazione estiva del corteo storico e la festa per la Madonna della Divina Provvidenza, che si celebra il 24 agosto nel Santuario Diocesano a Lei dedicato. Il 22 Maggio 2011 presso il Castello Svevo-Aragonese del Borgo, durante l'XI Assemblea Nazionale de "I borghi più belli d'Italia", si è svolta la cerimonia per il conferimento della cittadinanza onoraria a Luca Zingaretti, in arte commissario Salvo Montalbano. Il 26 e 27 giugno 2012 invece si è tenuta a Montalbano Elicona la sesta tappa del Tour dei semifinalisti per la 55 edizione del Festival di Castrocaro.

Sotto alcune strutture ricettive dove soggiornare, mangiare o divertirsi a Montalbano Elicona in provincia di Messina.

Cose da mangiare a Montalbano Elicona, cosa vedere a Montalbano e dintorni
I piaceri del borgo:
Unici in tutta l'isola sono i biscotti a ciminu, cioè con i semi d'anice, dal gusto forte e particolare, legati alle festività pasquali.

Cose da vedere a Montalbano Elicona:

- Feste Aragonesi, metà agosto, quando 200 personaggi in costume medievale rievocano l'entrata dei Re Federico III il Grande, Re di Sicilia in "castrum et terram Montis Albani".
- Festa di Maria Santissima della Provvidenza, 24 agosto, una festa che ha origine nel '600, per metà cattolica e per metà pagana. La vara della Madonna della Provvidenza viene portata a spalla dagli smanicati per le vie del borgo. Al rito sacro si intrecciano, nei 4 giorni di festa, musica, teatro e folclore.
- Rappresentazione del Natale, con 140 figuranti che danno vita al presepe vivente che si svolge nelle case e per le antiche viuzze del borgo.
- La Chiesa di Santa Caterina, la cui facciata mostra un bel portale in stile romanico. Eretta intorno al 1300, conserva all'interno una pregevole statua marmorea della santa, attribuita alla scuola del Gagini.
- La Chiesa Madre, edificata nel medioevo, fu rifondata e ampliata nel 1654, anno in cui furono aggiunte le due navate laterali e venne eretto il campanile. La chiesa custodisce una scultura di San Nicola e un delizioso ciborio, entrambi in marmo e attribuiti alla scuola del Gagini, e un'Ultima Cena della scuola di Guido Reni.
- Perle del paesaggio sono il Bosco secolare di Malabotta, riconosciuto Riserva Naturale Orientata e i Megaliti  dell'Argimusco, presenze magiche e misteriose giunte fino a noi dalla preistoria, quando in relazione con la posizione del sole e dell'Etna servivano agli uomini per celebrare i loro riti della nascita, della vita e della morte.

Montalbano Elicona - Il Borgo dei Borghi 2015 - Galleria
© Foto di Giuseppe Cianci per abcsicilia.com
Tri sunu i cosi ca piacinu: i sordi, a munita e i rinari (Tre sono le cose che piacciono: i soldi, la moneta e i danari)
Di primo acchito sembrerebbe trattarsi di tre diverse fonti di piacere, invece, si esalta solo e solamente il dio danaro, con differenti appellativi (...ma sfacciatamente sinonimi)!
Parchi e Riserve Naturali in Sicilia



VACANZA E AVVENTURA IN SICILIA

Lo scorrimento delle acque del fiume Alcantara ha modellato e inciso il territorio attraversato e, in località Fondaco Motta, frazione del Comune di Motta Camastra, in collaborazione con alcune imponenti colate laviche, ha creato delle suggestive e profonde gole a strapiombo, conosciute come le Gole dell'Alcantara...continua

_____________




LA STORIA DA VISITARE IN SICILIA

Il Parco Archeologico della Neapolis, di notevole estensione, racchiude importanti monumenti che rappresentano la storia della città: la piscina romana, l'Anfiteatro romano, l'Ara di Ierone, l'Orecchio di Dionisio, la Grotta dei Cordari, le Latomie del Paradiso, le Latomie dell'Intagliatella, le Latomie di S. Venera, la Tomba di Archimede e la Necropoli Grotticelle, tutte cartoline fantastiche da visitare in provincia di Siracusa, in Sicilia...continua


_____________




LEGGENDE E MISTERI DEL PASSATO IN SICILIA

Il sito archeologico delle Grotte della Gurfa è un raro esempio di architettura funeraria rupestre, scavato nella roccia arenaria dalla mano dell'uomo in epoca preistorica. La ricostruzione storica di questo monumento è piuttosto complessa per la mancanza di reperti archeologici nella zona circostante le grotte, oltre che per il continuo uso dell'ipogeo che in parte ne ha modificato, trasformato e forse eliminato, la struttura originaria. Studi recenti tuttavia riconoscono questo luogo come tempio dedicato... continua
La ceramica in Sicilia


La ceramica - Strade e paesi siciliani della terracotta

Semplice, geniale invenzione, la ceramica è una delle realizzazioni più importanti dell'Umanità. In Sicilia essa fa la sua comparsa nel VI millennio a.C. e, sino all'età del Bronzo, si sviluppa in tutti i centri indigeni dell'isola. Dai primi rozzi manufatti di Stentinello, vicino... Leggi tutto
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy

Direttore responsabile: Giuseppe Cianci  giuseppe.cianci@abcsicilia.com                                          Contatti: redazione@abcsicilia.com  

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu