Benvenuti a Geraci Siculo - abcsicilia

Abcsicilia Blog Portal
Vai ai contenuti

Menu principale:

Benvenuti a Geraci Siculo

La città di Geraci Siculo
Geraci Siculo è un comune della provincia di Palermo, con circa 1.900 abitanti, che fa parte del Parco delle Madonie ed è incluso nel club de "I borghi più belli d'Italia". Un piccolo borgo di origini medievali, oggi dedito all'agricoltura e alla pastorizia, mentre la sua principale attività economica riguarda la raccolta e l'imbottigliamento dell'acqua minerale proveniente dalle fonti delle montagne geracesi. Antiche tradizioni vengono rievocate ogni anno nel borgo, tra queste sono da ricordare, perchè interessanti dal punto di vista turistico-religioso, la festa del ringraziamento, dedicata ai Santi Bartolo e Giacomo, la festa del Crocifisso e il Torneo Cavalleresco in costumi d'epoca. Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove poter soggiornare a Geraci Siculo e dintorni nel parco delle Madonie, dove dormire, mangiare o divertirsi in provincia di Palermo.


L'antica capitale dei Ventimiglia, attraversata ancora dai falconi addestrati da Federico II
Geraci Siculo è una finestra aperta sul passato e all'aria fresca di montagna. Le campane della chiesa palatina non annunciano più la morte del conte, ma la finestra moresca nel castello, l'affresco bizantino, l'impronta normanna, le raffinate Madonne nelle chiese, scolpite nei loro marmi policromi, e gli ignoti intagliatori con la loro galleria lignea di santi patroni, ci riportano alle profondità delle origini.
La visita al borgo può iniziare dal bevaio della Santissima Trinità, fatto costruire dal marchese Simone Ventimiglia sulla base di un rettangolo di 20 metri di lunghezza con due fontane laterali in pietra. Da lì si percorre l'acciottolata via Biscucco per arrivare al Castello di probabile origine bizantina, che sotto i Ventimiglia divenne una fortezza militare. Domina sulle rovine, sugli angoli mozzati delle torri e gli squarci nelle feritoie, la Chiesa di Sant'Anna, ritenuta la cappella palatina dei Ventimiglia, dove si tramanda fosse custodito, sin dal 1242, il teschio di Sant'Anna, poi trasferito a Castelbuono.
Subito più in basso si trova la Chiesa di San Giacomo, dove si conservano un prezioso crocefisso ligneo trecentesco, un affresco in stile bizantino (sec. XIV) e la statua lignea del santo, settecentesca.
Percorrendo le viuzze medievali si arriva alla Falconiera in Largo Greco e infine in piazza del Popolo, il salotto di Geraci, su cui si affacciano la Chiesa del Collegio di Maria (del 1738) a una navata e la Chiesa Madre di Santa Maria Maggiore, consacrata nel 1495 ma di realizzazione più antica, come si desume dal portale della metà del XIV secolo. All'interno della Chiesa Madre si trovano opere di grande interesse, come il fonte battesimale in marmo alabastrino della bottega dei Gagini (fine XV secolo) e altre splendide statue di marmo della stessa bottega raffiguranti le Madonne della Neve, della Mercede e con il Bambino, nonché le statue in legno di ignoti intagliatori siciliani del XVII e del XVIII sec.
Continuando per corso V. Emanuele si incontra la Chiesa di Santo Stefano con il suo caratteristico campanile a conci policromi. E' a croce greca irregolare e risale al primo seicento.

La tua pubblicità GRATIS qui
Pubblicizza GRATIS la tua struttura ricettiva, la tua casa vacanza o anche la tua attività commerciale o professionale su abcsicilia.com. Hai un sito internet? Avrai il link che porta al tuo sito. Non hai un sito internet? Ci pensiamo noi a creare una pagina web tutta dedicata alla tua attività con descrizione, foto, mappa, commenti e modulo per contattarti. Quanto costa? Un banner con la tua pubblicità nella sola pagina del luogo dove opera la tua struttura è completamente GRATUITO.Che aspetti? Fatti vedere sul web e incrementerai i tuoi affari senza alcuna spesa. Ti basta una e-mail. Scrivici a info@abcsicilia.com

GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS
U pisu ro mulu l'avi a purtari u sceccu (Il peso del mulo l'ha da portare l'asino)
C'è sempre qualcuno che opera a scarica barili, e chi ci va di mezzo è sempre il più debole!



 
Torna ai contenuti | Torna al menu