Sono allarmanti i dati sull'influenza che continua a colpire l'Italia - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia. Un blog di opinion-leading - abcsicilia

Abcsicilia Blog Portal
Vai ai contenuti

Menu principale:

Sono allarmanti i dati sull'influenza che continua a colpire l'Italia

Pubblicato da in Salute e Ambiente ·
Tags: Infuenzadatiallarmanti

Virus influenzale


Da settembre 2017, cioè da quando il virus dell'influenza ha fatto la sua comparsa, ci sono stati in Italia 112 decessi di persone colpite dal virus, tra cui undici bambini sotto i 14 anni. A riferirlo è l'Istituto superiore di Sanità, che ha sottolineato anche i 588 casi gravi che hanno previsto il ricovero in terapia intensiva. Tra i deceduti anche due donne in stato di gravidanza.
Ancora oggi, purtroppo, il virus dell'influenza fa vittime: nella settimana dal 5 all'11 febbraio sono stati segnalati 12 casi gravi e un decesso. E' vero che in genere il decesso avviene su pazienti che soffrono già di altre patologie, questo è il caso degli 11 bambini e ragazzi con meno di 14 anni deceduti che presentavano tutti condizioni di rischio.
E' importante non sottovalutare mai i sintomi influenzali, come fanno sapere gli esperti, perchè l'influenza può provocare una polmonite virale primaria, cioè quando il virus influenzale arriva direttamente ai polmoni può essere letale, soprattutto per persone con altre patologie preesistenti, come malattie cardiache e malattie respiratorie croniche.
Secondo l'ultimo bollettino Influnet dell'Istituto Superiore di Sanità, complessivamente si è arrivati a 6,7 milioni di casi da inizio stagione, di cui 534mila nell'ultima settimana, mentre i 780 medici sentinella hanno comunicato che il livello di incidenza nella settimana tra il 5 e l'11 febbraio è stato di 27,8 casi per mille assistiti nei bambini sotto i cinque anni e di 13,8 tra 5 e 14 anni. Nei giovani adulti l'incidenza è scesa invece a 7,6 casi per mille assistiti e a 3,6 negli anziani. Sono dati questi che allarmano.



Potrebbe anche interessarti:









Siamo anche su Facebook
Torna ai contenuti | Torna al menu