Mascherine obbligatorie? Diamole gratis a chi non supera il reddito di un quinto dell'indennità di un deputato italiano - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia. Un blog di opinion-leading - Sicilia Turismo e Notizie

   Sicilia Turismo & Notizie
Vai ai contenuti

Menu principale:

Mascherine obbligatorie? Diamole gratis a chi non supera il reddito di un quinto dell'indennità di un deputato italiano

Pubblicato da in News ·
Tags: coronavirus

Aula di Montecitorio

Attualmente i deputati hanno diritto a un’indennità lorda di 11.703 euro. Al netto sono 5.346,54 euro mensili più una diaria di 3.503,11 e un rimborso per spese di mandato pari a 3.690 euro. Ad essi si aggiungono 1.200 euro annui di rimborsi telefonici e da 3.323,70 fino a 3.995,10 euro ogni tre mesi per i trasporti.

Dovete sapere che in Italia, la maggior parte dei lavoratori dipendenti e dei pensionati non arriva a prendere quanto il rimborso spese di trasporto che percepiscono lor signori, ossìa quasi 4.000 euro ogni tre mesi.

Ebbene, fatta questa premessa, considerato che la mascherina è destinata a diventare "obbligatoriamente" uno dei nostri capi di abbigliamento cui non potremo rinunciare (per legge) a causa del Covid-19 almeno fino a fine anno, tenuto conto che la spesa mensile che ogni famiglia dovrà affrontare per le mascherine ammonta a circa 300 euro, tenuto conto che anche questo Governo (come tutti gli altri che lo hanno preceduto) non ha nessuna intenzione di abbassare le tasse drasticamente ai ceti più bassi, diciamo quelli che non arrivano a 30.000 euro l'anno, una sana e giusta decisione sarebbe quella che il Governo decidesse di regalare le mascherine almeno a tutte le famiglie il cui reddito non supera un quinto dell'indennità di un deputato italiano:
140.436 : 5 = Euro 28.087 annui

Insomma speriamo non succeda iul contrario, che i parlamentari ce li abbiano gratis mentre chi non arriva a fine mese per via degli stipendi o pensioni da fame debba anche comprarsi ler mascherine, non sarebbe la prima vergogna di questo Paese.






Torna ai contenuti | Torna al menu