La Festa di San Giorgio Patrono di Modica - Vacanze in Sicilia - Turismo e Notizie

Abcsicilia
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Festa di San Giorgio Patrono di Modica

Eventi
La Festa di San Giorgio, Santo Patrono di Modica


Ogni anno, nel mese di aprile, a Modica corre la festa del Santo Patrono, San Giorgio. Corre anche San Giorgio, per le viuzze  di Modica, portato a spalla dai suoi portatori, i famosi Sangiorgiari. Una processione al galoppo, i Sangiorgiari, infatti, portano a spalla la statua che rappresenta il Santo guerriero sul dorso di un cavallo bianco mentre uccide il drago con la sua spada e, curiosamente, la statua procede con un'andatura veloce e molto spesso a galoppo, grazie ai movimenti dei suoi abili ed esperti portatori.

La Festa di San Giorgio si svolge a Modica il primo weekend dopo il 23 aprile:
il sabato mattina i cittadini di Modica vengono svegliati da 23 colpi di cannone che annunciano l'inizio dei festeggiamenti, mentre la domenica pomeriggio un'esplosione di fuochi d'artificio e una cascata di volantini colorati accompagnano il momento in cui la statua di San Giorgio esce dalla sua omonima Cattedrale per abbracciare i suoi devoti.
Una nuvola rossa avvolge cittadini assiepati sulla scalinata della Cattedrale, mentre i Sangiorgiari portano a spalla il Santo a cavallo che si fa spazio tra la folla, con maestria e destrezza. Dopo i fuochi ha inizio la processione per le vie prima di Modica Alta e poi per il centro storico della cittadina barocca.

Durante tutta la processione, l'aria che si respira è davvero euforica, grazie alla passione dei numerosi fedeli che seguono tutto il percorso fino alla tarda serata quando San Giorgio fa il suo rientro alla Cattedrale. Prima di entrare nel Duomo, modicani e turisti assistono ad un grande spettacolo pirotecnico mentre subito dopo prenderanno posto dentro la chiesa perchè i Sangiorgiari faranno correre San Giorgio anche tra le navate del Duomo di San Giorgio.

La novena a San Giorgio
La musica originaria della novena a San Giorgio è stata composta per fisarmonica e canto dal Maestro Bergamasco, noto commerciante e musicista napoletano trasferitosi in Modica, dove si occupava della vendita di strumenti musicali e, allo stesso tempo, impartiva lezioni di musica, in particolare di fisarmonica. La sua attività era sita in Modica in Via Santa Maria, nella piazzetta adiacente a Palazzo Giardina. Il testo, successivamente riadattato dal poeta Carmelo Assenza, secondo il racconto di alcune persone che narravano questa storia prima degli anni '70,  potrebbe risalire addirittura intorno al 1900. (Fonte Raffaele Buscema)


San Giorgi ghiuvinieddu
comu 'n'ancilu era beddu,
fuoru tanti i so pinzeri
e san Giorgi è cavaleri
(CORO: Lu Priamu ccu gran tonu
e San Giorgi e lu Patronu;

Quannu avia quattordicianni
ppi lu munnu già si nn’ia
pi tatri peni e affanni
e Ddiu Patri ubburia
(COR0: Lu priamu ccu firvuri
e San Giorgi è u prutitturi)

Arrivau vicinu a 'nciumi
Margherita dda truvau,
La so' storia e li so' peni
a San Giorgi idda cantau.
Lu priamu cu gran tonu
e san Giorgi è lu patronu

E San Giorgi arrispunniu
Margherita 'nti scantari,
suddu tieni firi a Ddiu
lu ddrauni a m'ammazzari
Lu priamu ccu firvuri
e san giorgi è u prutitturi

Ammazzau lu ddrauni
ccu la so potenti spata;
Margharita è addinucciuni
ca si vitti libirata
lu priamu cu gran tonu
e San Giorgi è lu patronu

E 'u pattri i Margherita
era Rre ri la citati:
Iu pppi spusa vi la rugnu
Suddu vui vi la pigghiati
Lu priamu ccu firvuri
e San Giorgi è u prutitturi

E San Giorgi arrispunniu
Chistu iu nun lu puozzu fari
agghiu fattu votu a Ddiu,
nu mà puozzu no spusari
lu priamu cu gran tonu
e San Giorgi è lu patronu

E lu re ch'era pacanu
nu ci critti a la sò firi
e spinciennu la sò manu
a'mpriciuni ù fici iri
Lu priamu ccu firvuri
e San Giorgi è u prutitturi

Margharita addinucciuni
lu sò patri scunciurau
-ri la morti rò drauni
iddu a tutti ni libbrau.
lu priamu cu gran tonu
e San Giorgi è lu patronu

Oh che  beddu lu sò visu
sutt'an'arburu attaccatu
e lu Rre nun l'ha difisu
lu tinia martirizzatu.
lu priamu cu gran tonu
e San Giorgi è lu patronu

(dal libro: La festa di San Giorgio "spatulidda riali" in Modica. Angelo Aprile 1974)

Galleria fotografica
© Giuseppe Cianci
E' dai fallimenti che si impara a riconoscere la strada giusta da seguire.
© Giuseppe Cianci
Seguici su Facebook
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy

Direttore responsabile: Giuseppe Cianci  giuseppe.cianci@abcsicilia.com                                          Contatti: redazione@abcsicilia.com  

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu