Il Parco dei Nebrodi - abcsicilia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Parco dei Nebrodi







Parco dei Nebrodi
Benvenuti nella più grande area protetta della Sicilia
Il Parco dei Nebrodi
I Monti Nebrodi, insieme ai Peloritani ad est e alle Madonie ad ovest, formano l’Appennino siculo. Essi si affacciano, a nord, direttamente sul Mar Tirreno, mentre a sud il limite è segnato dall'Etna, in particolare dal fiume Alcantara e dall'alto corso del Simeto. Un paesaggio naturale caratterizzato soprattutto dalla dissimmetria dei vari rilievi e dalla loro diversità nelle forme, dalla fittissima vegetazione e dai numerosi ambienti umidi. Molti i rilievi, con la cima più alta rappresentata dal Monte Soro (1847 metri s.l.m.), ma molti anche i fiumi che attraversano le ampie vallate per poi sfociare nel Mar Tirreno. Sono 24 i Comuni il cui territorio ricade all'interno dell'area protetta: 19 della provincia di Messina, 3 della provincia di Catania e 2 della provincia di Enna. Per quanto riguarda la fruizione turistica del Parco dei Nebrodi è importante sapere che per poter effettuare le attività escursionistiche di fruizione consentite nel parco (escursioni a piedi, a cavallo o in mountain bike per esempio) è necessario munirsi di autorizzazione che va richiesta con largo anticipo. Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.parcodeinebrodi.it dove potete anche consultare l'elenco dei soggetti, segnalati e selezionati da Nebrodi Outdoor, che svolgono ed offrono servizi escursionistici ed organizzano eventi nel rispetto delle regole del turismo sostenibile. Per quanto riguarda la fauna è stato reintrodotto l'avvoltoio Grifone con un progetto che ha portato una colonia di 50 esemplari insediati nelle Rocche del Crasto, il massiccio montuoso che si erge tra i paesi di Alcara Li Fusi, Longi e San Marco d'Alunzio, dove nidificano dal 2005.
C'è anche un'area del capriolo, e importantissimo, nel Parco dei Nebrodi vivono tre coppie di aquila reale, il più grande uccello da preda europeo, con un apertura alare che supera facilmente i due metri. Istituito nel 1993, il Parco dei Nebrodi comprende le più importanti ed estese formazioni boschive presenti in Sicilia, per una superficie che supera i 50.000 ettari. Boschi incantati dove le specie arboree più significative sono rappresentate da Fagus sylvatica, da Quercus cerris, da Quercus suber, da alcuni Quercus ilex e importanti ambienti lacustri e rupestri. Inoltre, oltre i 1200 - 1400 metri di altitudine, si trovano le faggete, splendide formazioni boschive che coprono tutto il crinale dei Nebrodi per più di 10.000 ettari e rappresentano un ambiente di grande valore naturalistico e paesaggistico.
Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove soggiornare nel Parco dei Nebrodi, dove alloggiare, dormire, mangiare o divertirsi nel territorio del parco dei Nebrodi e dintorni.

La tua pubblicità GRATIS qui
Pubblicizza GRATIS la tua struttura ricettiva, la tua casa vacanza o anche la tua attività commerciale o professionale su abcsicilia.com. Hai un sito internet? Avrai il link che porta al tuo sito. Non hai un sito internet? Ci pensiamo noi a creare una pagina web tutta dedicata alla tua attività con descrizione, foto, mappa, commenti e modulo per contattarti. Quanto costa? Un banner con la tua pubblicità nella sola pagina del luogo dove opera la tua struttura è completamente GRATUITO.Che aspetti? Fatti vedere sul web e incrementerai i tuoi affari senza alcuna spesa. Inserisci subito la tua struttura o attività  CLICCA QUI
Il romanzo di Giuseppe Cianci
U figghiu mutu, a mamma u capisci (Il figlio muto, la mamma lo capisce)
Indirettamente, questo detto vuol significare che se un figlio commette degli errori, la mamma continua a giustificarlo in tutti i modi!




 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu