Enna, dove dormire, dove mangiare, cosa vedere - Sicilia Turismo e Notizie

   Sicilia Turismo & Notizie
Vai ai contenuti

Menu principale:

La città di Enna
Guida di Enna: scopri i luoghi da visitare nella Città di Enna, monumenti e palazzi da non perdere, le vie del centro storico



Cosa vedere nella città di Enna

Enna è un comune siciliano, capoluogo di provincia, il più alto d'Italia per via dell'altitudine del centro abitato che, nella sua parte più elevata, raggiunge i 970 metri s.l.m.. Questa altitudine attribuisce alla città di Enna la denominazione di "Belvedere di Sicilia" per le straordinarie vedute panoramiche che offre.

Dopo un passato glorioso che l'ha vista, per oltre tre millenni, roccaforte privilegiata per sicani, greci, romani, bizantini, arabi, normanni, svevi e aragonesi, Enna vive oggi un periodo di rinnovato sviluppo e accresciuto prestigio sul piano nazionale ed internazionale, grazie principalmente alla sua moderna Università, la Enna Kore, al suo Autodromo di Pergusa in cui si disputarono numerosi gran premi della Formula 3000 e della Formula 2 (Gran Premio di Enna), ed al suo polo industriale nel quale è prevista in futuro la realizzazione di un impianto per la produzione di energia elettrica attraverso lo sfruttamento delle biomasse. Grazie alla sua lunga storia Enna può vantare un patrimonio monumentale tra i più ampi e vari della Sicilia.

Enna è una città appartata e solitaria, ma nobilmente dignitosa, custode fedele delle culture che l'hanno attraversata, i cui segni sono ancora ben visibili nel suo Castello, nelle sue torri, nei suoi quartieri più antichi e nel centro storico ricco di grandi chiese, pregevoli palazzi ed eccezionali belvederi. Da visitare nella città di Enna il Duomo, notevole esempio di architettura ecclesiastica medievale presente in Sicilia, ma anche il Museo Alessi e il Castello di Lombardia in cui si svolgono ottime stagioni liriche. In piazza Neglia sorge la Chiesa di San Tommaso.

Feste e sagre da visitare nella città di Enna

Interessante ad Enna è la Settimana Santa: la Processione di Gesù e gli Apostoli e il suo ingresso a Gerusalemme apre, nella Domenica delle Palme, i riti pasquali. Ma è il venerdì il punto più alto delle celebrazioni con il solenne Corteo delle Vare del Cristo Morto e dell'Addolorata, precedute dalle Confraternite che portano su vassoi i 25 simboli del martirio. Concludono il ricco programma di riti la processione pasquale con l'incontro della Madonna e il Cristo risorto, il loro rientro nelle rispettive chiese la domenica successiva, con la solenne benedizione dei campi.

Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove dormire, mangiare o divertirsi a Enna e provincia.

Galleria fotografica
© Foto di Giuseppe Cianci per abcsicilia.com
Enna - La storia
La nascita della città di Enna si perde nella notte dei tempi, i primi resti sono quelli riconducibili ad un abitato dell'età del rame posto nell'area di Via Borremans. Enna inizia ad uscire dalla nebbia della preistoria con i primi contatti tra gli indigeni siculi ed i greci, siamo intorno al VII secolo a.C.. La città, importante per la sua posizione centrale, pare abbia fatto da attrazione per i centri che all'epoca sorgevano nei suoi dintorni sino a decretarne la scomparsa e l'organizzazione di una polis sull'altipiano. Da allora il binomio Henna-Demetra diverrà inscindibile e la città acquisirà grande fama per il santuario posto sulla cima della sua acropoli.

Siracusa la conquisterà e vi insedierà un tiranno: Aimneston. Conquistata dai romani con la prima guerra punica, Enna vide i suoi cittadini massacrati nel teatro. La città venne dichiarata Civitas decumana, costretta cioè a pagare la decima sulla produzione del grano ma libera di governarsi con i suoi magistrati. Nel II secolo a.C. a Enna scoppiò la prima guerra servile con gli schiavi guidati da Euno, un colto schiavo siriano che riuscì a tenere testa ai romani a lungo.
 

Durante la fine del I secolo la città assiste al saccheggio del pretore Verre prima e all'arrivo di Cicerone che descriverà questi luoghi con grande attenzione nelle sue "Verrine". Il cristianesimo arriverà ad Enna con San Pancrazio che evangelizzerà i poveri Fulloni della parte bassa della città sostituendo a Demetra il culto della Madonna di Valverde.

Enna, conosciuta come Castrum Hennae, conoscerà il suo periodo di gloria solo dopo la caduta dell'impero romano quando, diventata bizantina, resterà sotto il dominio arabo fino all'859. Con gli arabi la città assumerà una veste completamente nuova con un tessuto urbano rinnovato e con una popolazione mista e intenta a importanti produzioni agricole e commerciali. Sarà capoluogo di una "Taifa" fino all'arrivo dei normanni. Caduto l'ultimo emiro, Ibn Hamud, la città accoglierà una guarnigione normanna ma manterrà una popolazione mista in cui gli arabi e i greci ne rappresenteranno la maggioranza insieme ai tanti giudei. Quando la dinastia normanna finirà, Enna tenterà di affrancarsi riconoscendo come re Guglielmo Monaco, un ennese, anziché Enrico VI, affrontando così il duro assedio dell'imperatore tedesco.

Memore di questa vicenda, Federico II farà ricostruire interamente il grande Castello regio e sicuramente anche la Torre ottagona.

La Torre di Federico

La bellissima chiesa Madre di Enna verrà costruita con Federico III d'Aragona, quando la città sarà sede della corte reale. Anche molti palazzi nobiliari gotico catalani vedranno la luce in questo periodo.

Il Duomo di Enna

Da allora ai giorni nostri Enna sarà sempre città demaniale e libera, rappresentata in parlamento e patria di grandi uomini. Dimenticata dai Borboni, si riscatterà nel 1926 con l'elevazione a capoluogo e il ritorno all'antico nome di Enna.

Luoghi da visitare in provincia di Enna
Cosa vedere in provincia di Enna


AGIRA
Pittoresca cittadina tra i centri siciliani più antichi e prestigiosi...





è un comune della provincia di Enna, da cui dista appena 6 km. Dalla foto in alto si può notare come questa cittadina sia sospesa sui Monti Erei a circa 700 mt d'altitudine






Una cittadina con una storia che affonda le proprie radici a oltre 4000 anni fà...







cittadina conosciuta per la Sagra delle pesche giunta nel 2012 alla sua XXXI edizione...







antico borgo dell'entroterra siciliano dove ancora oggi è possibile ammirare tracce del suo glorioso passato...







a Piazza Armerina si trovano ville ed edifici di epoca pre-romana e romana, unici al mondo, con i famosi mosaici della Villa Filosofiana...








uno dei borghi medievali più belli d'Italia, meta ambita dai turisti grazie alla possibilità di visitare il Castello di Sperlinga...





tra storia e natura, la capitale di Ruggero I. Le origini misteriose rievocano il mito dei Giganti "parenti" di Polifemo. Da visitare la Torre Normanna, da assaggiare la deliziosa focaccia col sambuco...


Tanta fudda e mala vinnita (Tanta folla e scarsa vendita)
La calca causa solo confusione e, difficilmente, porta a concludere buoni affari
Parchi e Riserve in Sicilia





Lo scorrimento delle acque del fiume Alcantara ha modellato e inciso il territorio attraversato e, in località Fondaco Motta, frazione del Comune di Motta Camastra, in collaborazione con alcune imponenti colate laviche, ha creato delle suggestive e profonde gole a strapiombo, conosciute come le Gole dell'Alcantara...continua

_____________





Il Parco Archeologico della Neapolis, di notevole estensione, racchiude importanti monumenti che rappresentano la storia della città: la piscina romana, l'Anfiteatro romano, l'Ara di Ierone, l'Orecchio di Dionisio, la Grotta dei Cordari, le Latomie del Paradiso, le Latomie dell'Intagliatella, le Latomie di S. Venera, la Tomba di Archimede e la Necropoli Grotticelle...continua


_____________





Il sito archeologico delle Grotte della Gurfa è un raro esempio di architettura funeraria rupestre, cavato nella roccia arenaria dalla mano dell'uomo in epoca preistorica. La ricostruzione storica di questo monumento è piuttosto complessa per la mancanza di reperti archeologici nella zona circostante le grotte, oltre che per il continuo uso dell'ipogeo che in parte ne ha modificato, trasformato e forse eliminato, la struttura originaria. Studi recenti tuttavia riconoscono questo luogo come tempio dedicato... continua
La cucina siciliana, un'arte tramandata


La cucina siciliana, dove mangiare in Sicilia
Guida ai sapori e ai valori della cucina siciliana

Una descrizione sulla storia della cucina siciliana e sulle sue tradizioni insieme ad una selezione di locali di cucina tipica siciliana, dove mangiare in Sicilia... Leggi tutto
La via della terracotta in Sicilia


La ceramica - Strade e paesi siciliani della terracotta

Semplice, geniale invenzione, la ceramica è una delle realizzazioni più importanti dell'Umanità. In Sicilia essa fa la sua comparsa nel VI millennio a.C. e, sino all'età del Bronzo, si sviluppa in tutti i centri indigeni dell'isola. Dai primi rozzi manufatti di Stentinello, vicino... Leggi tutto
Ricette siciliane facili




Le ricette più famose della cucina tipica siciliana

Nel cuore del Mediterraneo, la Sicilia è stata per millenni crocevia di popoli che le hanno impedito di affermarsi, nel campo culinario, in maniera autonoma.
Sempre dominata, la Sicilia è stata però così intelligente da far propri gli aspetti peculiari delle diverse culture: greci e fenici, romani e bizantini, arabi e normanni, spagnoli e francesi.
Le ricette di abcsicilia sono ricette facili da realizzare e richiedono ingredienti economici di uso stagionale frequente  


© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy

Direttore responsabile: Giuseppe Cianci  giuseppe.cianci@abcsicilia.com                                          Contatti: redazione@abcsicilia.com  

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu